Il nostro Blog

Strada Sicura 22 - Codice della Strada 2020: le novità

gori fa 50

Gori Fa 50!

Gori Ecofficina compie 50 anni di attività questo Settembre. Un traguardo importante che vorremo festeggiare con tutti i nostri clienti, ma come fare per le norme di distanziamento sociale? Abbiamo trasformato una difficoltà in opportunità e abbiamo trovato un modo per farvi comunque partecipare ai nostri festeggiamenti. Scopri quale.



Il Dl Semplificazioni (Dl n.76 del 16 Luglio 2020) riporta in campo tutta una serie di modifiche al Codice della Strada che inizialmente erano previste nell'ormai scomparsa mini-riforma approntata nel 2019. Il 4 Settembre è giunto l'ok del Senato e, a oggi, nulla fa pensare che possano esserci sorprese in vista del via libera della Camera. Presto quindi il nuovo Codice della Strada sarà pienamente in vigore e le modifiche da tenere di conto non sono poche.

Nell'articolo Strada Sicura di oggi facciamo un veloce riassunto di tutti i cambiamenti previsti, partendo dai due "settori" più grandi per poi passare alle varie aggiunte minori. L'obiettivo è quello di non farti arrivare impreparato al momento che il Dl Semplificazioni entrerà effettivamente in vigore. Prima di iniziare però, puoi trovare l'intero testo del decreto legge qui e ti ricordo che, se non vuoi perderti neanche un articolo tecnico, puoi scriverti alla nostra newsletter. E' veloce e completamente gratuita.


strada sicura 22 ausiliari del traffico

Mobilità Urbana

Una delle modifiche che più sta facendo parlare di sé è sicuramente quella che permette ai centri urbani di montare gli autovelox fissi anche sulle strade urbane di quartiere e locali (fino a oggi potevano essere installati solo sulle strade a scorrimento). Le postazioni dovranno essere autorizzate dal Prefetto e dovranno essere posizionate in quelle strade dove c'é maggior rischio di investimento dei pedoni (tendenzialmente dritte e larghe in concomitanza con presenza di scuole, abitazioni e negozi). La critica è che questi nuovi autovelox siano utilizzati con l'unico obiettivo di far cassa piuttosto che di garantire una maggiore sicurezza agli utenti della strada e il Codacons si è già mobilitato per verificare che questo non avvenga.

Altro punto critico è quello che permette di conferire, con provvedimento del sindaco, funzioni di prevenzione e accertamento delle violazioni in materia di sosta ai dipendenti: comunali, delle aziende municipalizzate, delle imprese addette alla raccolta dei rifiuti urbani e alla pulizia delle strade o delle società private/pubbliche esercenti la gestione della sosta o il trasporto pubblico. Questo vuol dire che, per esempio, un netturbino, privo di precedenti penali e adeguatamente formato, potrà elevare una multa se una vettura intralcia lo svuotamento di un cassonetto. Per l'accertamento delle violazioni sarà possibile ricorrere all'uso della tecnologia digitale e a strumenti elettronici e fotografici.

Altre novità per quanto riguarda la mobilità urbana è l'introduzione della zona scolastica, ossia una zona urbana in prossimità della quali si trovano edifici scolastici ed in cui è garantita una particolare protezione dei pedoni e dell'ambiente, e il fatto che le telecamere delle zone a traffico limitato potranno sanzionare i divieti di circolazione in ingresso, all'interno e in uscita, nonché misurare la permanenza all'interno della ZTL.


strada sicura 22 corsia ciclabile

Mobilità Sostenibile

La maggior parte delle novità riguarda, nel bene o nel male, soprattutto i ciclisti (anche se spesso si parla più in generale di velocipedi). Dopo che negli scorsi mesi erano state introdotte la casa avanzata e la corsia ciclabile, il Dl semplificazioni aggiunge la strada urbana ciclabile (una strada urbana a unica carreggiata con priorità per i velocipedi), il doppio senso ciclabile (ovvero una corsia ciclabile in cui i velocipedi possono circolare anche in senso opposto all'unico senso degli altri veicoli) e la corsia bici-bus (che permette la circolazione dei velocipedi sulle strade riservate agli autobus, a patto che si rispettino determinate condizioni).

Nuove regole anche per quanto riguarda precedenze e sorpassi in merito ai velocipedi. I conducenti degli altri veicoli hanno l'obbligo di dare precedenza ai velocipedi che: transitano o si immettono sulle strade urbane ciclabili, circolano sulle corsie ciclabili lungo le strade urbane o che si muovono lungo la corsia ciclabile per doppio senso ciclabile lungo le strade urbane a senso unico (si, sembra uno scioglilingua, ma non è facile definirla in altro modo). Inoltre, il conducente di un veicolo che effettua un sorpasso di un velocipede lungo le strade urbane ciclabili è tenuto a usare delle cautele aggiuntive, quali una riduzione drastica della velocità e una maggiore distanza laterale di sicurezza.


strada sicura 22 nuova scadenza revisioni italia

Altre Modifiche

Tra le altre modifiche presenti nel Dl Semplificazioni, quella che sicuramente sta facendo più parlare di sé è sicuramente l'ulteriore proroga dei collaudi e delle revisioni che va a rendere ancora più confusa e difficile da interpretare la situazione relativa a questi importanti controlli. In pratica ora collaudi e revisioni vanno eseguiti in modo scaglionato in base alla loro scadenza originale (puoi vederlo nella tabella soprastante), ma non è chiaro come questo si allinei con la normativa europea 2020/698. Sono inoltre comprese altre modifiche che hanno fatto alzare più di un sopracciglio ai professionisti del settore, come puoi leggere in questo interessante articolo di revisioniautoblog.

Il decreto legge, inoltre, introduce alcune deroghe per quanto riguarda il divieto di circolare con auto con targa estera ai residenti in Italia da più di 60 giorni. Queste si applicano: ai residenti nel comune di Campione d'Italia, al personale civile e militare dipendente da pubbliche amministrazioni in servizio all'estero, ai lavoratori frontalieri o alle persone residenti in Italia che lavorano per imprese con sede in stati confinanti/limitrofi, al personale delle forze armate e della polizia in servizio all'estero e al personale dipendente di associazioni territoriali di soccorso. Infine, una modifica minore, ma comunque importante: è stata aggiunta la possibilità per i tricicli di cilindrata non inferiore a 250 cm3 e di potenza non inferiore a 15 KW di circolare in autostrada e sulle strade extraurbane principali.


Ti è piaciuto quanto hai letto e vuoi restare aggiornato? Iscriviti alla nostra newsletter!

Con l'inserimento dei dati ci autorizzi ad iscriverti ai nostri servizi informativi. Essi sono trattati da Gori officina s.r.l. nel rispetto delle normative sul trattamento dei dati personali. Hai il diritto di conferma dell'esistenza o meno di dati che ti riguardano e l'accesso agli stessi, di rettifica, di cancellazione, di portabilità e di opposizione per un motivo legittimo, relativo all'insieme dei tuoi dati. Tale diritto si esercita presso Gori officina s.r.l. oppure inviando un'email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Puoi consultare l'informativa completa su : Privacy Policy

Cerca Articoli

ULTIMI ARTICOLI

Vision e Mission

Vision: Per una mobilità urbana, privata o aziendale, che sia sicura e sostenibile.
Mission: La Gori Officina si vuole porre in prima linea tra il settore della mobilità di beni e persone e quello della mobilità sostenibile per un mutuo sviluppo all'insegna della sicurezza e della consapevolezza. Per fare ciò, abbiamo deciso, forti dei nostri 50 anni di esperienza, di promuovere un'officina completa a dimensione di persona e rispettosa dell'ambiente così da poter presentare soluzioni innovative costruite su misura per le esigenze delle aziende e dei privati che decidono di affidarsi ai nostri servizi. Un cliente felice in un ambiente sano.

Dove siamo


Contatti veloci

Go to top
Template by JoomlaShine